Cosa cambia (in meglio) il decreto Milleproroghe del 2015

Mario Monti visita l'Agenzia delle Entrate

Il testo del decreto legge con dentro di tutto è stato approvato alla Camera e passerà ora al Senato: si parla di sfratti, partite IVA, giudici di pace e farmacie, tra le altre cose

Blocco dell’aliquota previdenziale per il 2015 e libertà di scelta tra vecchio e nuovo regime dei minimi. È arrivata ieri mattina la notizia tanto attesa dalle Partite Iva. Nel decreto Milleproroghe è stato approvato un emendamento che fissa al 27% la contribuzione per i professionisti iscritti alla Gestione Separata INPS. Niente aumento dal 27,72% al 30,72% per il 2015, al contrario è previsto un abbassamento dell’aliquota che scende al 27% tout court.

Dall’anno prossimo, però, l’aliquota ricomincerà a crescere fino al 28%, toccando il 29% nel 2017, con un risparmio per i professionisti di soli 1,72 punti percentuali rispetto all’aumento fissato precedentemente al 30,72%. Secondo le stime del Ministero dell’Economia, le modifiche approvate costeranno nel complesso 360 milioni di euro per il triennio oggetto del decreto, coperti per 265 milioni dal Fondo per interventi strutturali di politica economica, e per 95 milioni attraverso la riduzione di altri fondi del Ministero dell’Economia.

Ma vediamo quale “rivoluzione” apporterà al sistema il decreto Milleproroghe  – un decreto legge che viene approvato ogni anno e in cui vengono, appunto, “prorogate” una serie di norme in scadenza e in cui finisce un po’ di tutto – era stato approvato dal Consiglio dei ministri il 24 dicembre del 2014. Giovedì 19 febbraio l’aula della Camera ha votato la fiducia chiesta dal governo sull’articolo unico del decreto con 354 sì, 167 no e un’astensione. Oggi c’è stato il voto finale: la Camera ha approvato con 280 sì e 96 no la conversione in legge del decreto, che passerà ora al Senato. Rispetto al testo iniziale, durante il percorso nelle commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera sono entrate delle novità. La Costituzione prevede che un decreto legge del governo sia immediatamente effettivo ma debba essere convertito in legge dal Parlamento entro 60 giorni: quindi c’è tempo fino al primo marzo.

Sfratti
All’inizio di gennaio è stato un tema molto discusso, con le proteste di molti comuni. Il decreto stabilisce una proroga temporanea degli sfratti: il giudice, su richiesta, potrà sospendere l’esecuzione di uno sfratto «fino al centoventesimo giorno dall’entrata in vigore della legge di conversione» per consentire il «passaggio da casa a casa». Chi ha ricevuto lo sfratto «per finita locazione» avrà insomma quattro mesi in più per trasferirsi in una nuova casa. La decisione è stata presa perché deve ancora essere attuato il decreto con cui il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti distribuisce alle regioni le risorse stanziate nel Fondo affitti.

IVA: regime dei minimi
Un’altra questione su cui c’erano state contestazioni e proteste era quella delle partite IVA e del cosiddetto “regime dei minimi”, un regime fiscale vantaggioso che era stato modificato dalla legge di stabilità: il governo aveva modificato la precedente situazione, rendendola molto meno conveniente per i contribuenti. L’aliquota dell’imposta sostitutiva era stata triplicata passando dal 5 al 15 per cento; il governo aveva deciso inoltre di aumentare i contributi che le partite IVA avrebbero dovuto pagare alla gestione separata dell’INPS (un aumento che non riguarda quelle partite IVA che avevano accesso a una “cassa professionale”, per esempio giornalisti, ingegneri o avvocati). Questo contributo passava dal 27 per cento del 2014 al 30 per cento del 2015 (era stato poi previsto un nuovo aumento fino al 33 per cento nel 2018). Anche i requisiti per avere accesso al regime dei minimi erano stati ristretti. Diversi esponenti del governo e della maggioranza avevano difeso la norma, poi il presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva detto di avere cambiato idea.
Nel “milleproroghe” si stabilisce dunque che il vecchio regime dei minimi IVA venga ripristinato e che per tutto il 2015 possa coesistere con il nuovo regime (quello al 15 per cento). L’opzione varrà solo per chi guadagna meno di 30 mila euro e ha meno di 35 anni. Inoltre è stato bloccato per quest’anno anche l’aumento dei contributi per gli autonomi iscritti alla gestione separata INPS, che restano al 27 per cento per poi salire nel 2016 e nel 2017.

Appalti
Fino al 31 dicembre 2015 il decreto alza dal 10 al 20 per cento dell’importo contrattuale l’anticipo del prezzo in favore dell’appaltatore. Questo per fare fronte ai problemi di liquidità delle aziende e cioè per compensare le imprese delle conseguenze del cosiddetto split payment, il meccanismo introdotto dalla legge di stabilità in base al quale la pubblica amministrazione verserà l’IVA direttamente allo Stato e non più al fornitore.

Equitalia
Il “milleproroghe” dà la possibilità a chi non ha pagato il 31 dicembre scorso e non ha dunque regolarizzato la propria posizione, perdendo il diritto alla rateizzazione delle cartelle Equitalia, di poter chiedere un nuovo piano che possa prevedere fino a 72 rate. La richiesta può essere fatta entro il 31 luglio.

Giudici di pace
Gli enti locali interessati avranno tempo fino al 30 luglio del 2015 per chiedere il mantenimento degli uffici dei giudici di pace di cui era stata chiesta la chiusura.

Assegni di ricerca
I titolari di assegno di ricerca potranno ricevere fondi da università ed enti pubblici per sei anni al posto dei quattro attuali. Gli incentivi fiscali introdotti nel 2010 per i cittadini italiani «che studiano, lavorano o hanno conseguito una specializzazione post laurea all’estero e decidono di fare rientro in Italia» sono stati prorogati fino al 2017.

Sindaci e evasione fiscale
Scrive il Sole 24 Ore:
«Si stabilisce che fino a tutto il 2017 i sindaci che daranno la caccia agli evasori fiscali si potranno vedere riconoscere dallo Stato il 100% della quota riconosciuta ai Comuni a valere sulle maggiori somme riscosse per effetto della partecipazione dei Comuni all’azione di contrasto all’evasione fiscale. In questo modo il fisco italiano prova a garantirsi la collaborazione dei sindaci dei Comuni nella lotta all’evasione fiscale».

Avvocati e farmacie
Ci sarà tempo fino al 2017 per la riforma dell’esame di abilitazione degli avvocati, mentre per due anni la titolarità delle farmacie si potrà ottenere con la sola iscrizione all’albo, eccetto che per le 2.600 nuove sedi che saranno oggetto del concorso straordinario.

Cose locali
Scrive La Stampa:
«Arrivate anche alcune proroghe molto attese nei territori. Niente sanzioni per l’Aquila anche nel 2015 per lo sforamento del Patto di Stabilità, misura simile a quella adottata per il Lazio (tra le proteste, in particolare della Lega), e un altro anno “di respiro”, fino a metà 2016, per le imprese emiliane che hanno acceso mutui per pagare le tasse. C’è anche il “salva-Venezia” che allenta le sanzioni e consente di assumere nonostante i conti in disordine. Allungato a fine anno anche l’appalto per i collaboratori scolastici di Palermo».

21 febbraio 2015

Lascia un commento