Buoni dirigenti per la buona scuola

buona-scuolaIl disegno di legge “La buona scuola” è centrato sulla figura del dirigente scolastico. Che, con poteri ampliati e discrezionali, diventa un leader del team educativo dell’istituto. Per questo occorrono strumenti di valutazione del suo operato trasparenti, equi e rigorosi . Non ancora stabiliti

di Daniele Checchi e Maria De Paola

Il disegno di legge sulla riforma della scuola amplia i compiti dei dirigenti e assegna loro un ruolo cruciale per il funzionamento del sistema scolastico. I dirigenti potranno scegliere gli insegnanti (limitatamente all’organico funzionale), decidere in che modo utilizzarli, assegnare premi a quelli che ritengono più meritevoli. Il dirigente diventa un leader educativo (un “allenatore” lo ha definito Renzi nella conferenza stampa di presentazione del disegno di legge).

COME VALUTARE I DIRIGENTI?

Il disegno di legge assegna ai dirigenti scolastici poteri importanti che attribuiscono una discrezionalità che, se non correttamente governata, può produrre i risultati infausti evidenziati da molti articoli apparsi sulla stampa nei giorni scorsi. Tutto il sistema poggia sull’idea che anche i dirigenti scolastici saranno soggetti a valutazione: i loro incarichi avranno cadenza triennale e per la riconferma dovranno dar conto del proprio operato. Il primo ministro Renzi nella presentazione del disegno di legge ha sottolineato che i dirigenti possono essere rimossi (lo prevedeva in teoria anche il decreto legge Bassanini 15/3/1997 e l’art. 25 bis del decreto 165/01). Tuttavia, il disegno di legge non specifica alcunché circa il processo di valutazione che potrebbe portare a questa soluzione, né su quali prospettive si aprirebbero per i dirigenti rimossi.
Relativamente al sistema di valutazione, il disegno di legge resta generico: si parla di “…criteri utilizzati per la scelta, valorizzazione, valutazione dei docenti e dei risultati della scuola, con particolare riguardo alle azioni specifiche messe in campo per migliorare tali risultati”. Eppure è proprio questo sistema di valutazione l’unico metro per poter esprimere un giudizio su queste importanti novità.

Al momento, nelle more della revisione del sistema di valutazione dei dirigenti scolastici, il disegno di legge rimanda al decreto del Presidente della Repubblica del 28 Marzo 2013 che definisce il regolamento sul sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione. Si farebbe quindi riferimento alle informazioni derivanti dal “Sistema di autovalutazione delle scuole”? Come spiegato in un nostro precedente articolo quel sistema soffre di molti limiti poiché si presta a facili manipolazioni e non definisce in maniera chiara le responsabilità dei dirigenti scolastici.
Qualunque valutazione può essere espressa solo in riferimento a un obiettivo (che può essere definito anche in modo da tener conto del punto di partenza). Nel caso dei dirigenti scolastici quali saranno gli obiettivi su cui verranno valutati? Se si tratta degli obiettivi che loro stessi si sono assegnati nel Rapporto di autovalutazione delle scuole (Rav) che cominceranno a compilare quest’anno, è facile prevedere che tutti i dirigenti scolastici italiani avranno un’ottima valutazione.

DISCREZIONALITÀ E ARBITRIO

Si può essere favorevoli alla maggior o minor discrezionalità concessa ai dirigenti in relazione a come l’operato di quest’ultimi sarà valutato. In assenza di questa chiarezza, sono in molti a temere un sistema di valutazione opaco che, non individuando responsabilità in maniera netta, trasformi questa discrezionalità in arbitrio. Un sistema di valutazione chiaro non è importante solo per allineare gli interessi privati dei dirigenti scolastici (o dei professori universitari) con quelli pubblici, ma serve anche a facilitarne i compiti. I dirigenti scolastici (così come i professori universitari), anche quelli animati dalle migliori intenzioni, hanno bisogno di incentivi chiari da opporre alle pressioni che possono ricevere da più parti. Questi incentivi, ponendo un limite alla discrezionalità individuale, possono contribuire anche a creare un clima più disteso tra i docenti.

LA QUALITÀ DEGLI INSEGNANTI

Inoltre, il disegno di legge è silente su un punto rilevante: cosa succede qualora un dirigente scolastico selezioni un insegnante che si rivela in seguito inadeguato? Bisogna considerare che i dirigenti scolastici operano in un contesto di informazione imperfetta sulle caratteristiche dei docenti che devono scegliere (potrebbero non conoscere la loro preparazione, la loro capacità didattica, la loro capacità di cooperazione, la loro affidabilità). Si tratta di insegnanti con almeno tre anni di esperienza didattica ma ciò non garantisce la loro “qualità”. Molte ricerche mostrano che la qualità dei docenti conta moltissimo per le competenze acquisite dagli studenti ma ancora si sa poco circa le caratteristiche che concorrono a definire un buon docente. È quindi possibile immaginare che anche bravi dirigenti scolastici, interessati esclusivamente al benessere collettivo, possano sbagliare nel processo di selezione. Trattandosi di incarichi triennali, in linea di principio si tratta di una scelta reversibile. Ma cosa accadrà degli insegnanti non riconfermati? Se la mancata riconferma diventerà un’informazione disponibile agli altri dirigenti, le probabilità di essere scelti per un nuovo incarico in altra scuola saranno basse.
Insomma, questa riforma è direttamente o indirettamente molto centrata sul ruolo del dirigente scolastico, le cui responsabilità andrebbero però precisate.

Fonte: laVoce

22 marzo 2015

Lascia un commento