Milano, 20 maggio. La rivincita dell’umano

Una bella pagina ancora una volta di Milano inclusiva coraggiosa gioiosa e giusta. Sindaci e associazioni cittadine e cittadini insieme per costruire un nuovo futuro. Sabato 20 maggio per me si è scritta una pagina di buona politica ed il mio Partito, il Partito Democratico ne e’ protagonista e chi pensa che, urlando ed insultando si possano affrontare fenomeni così complessi e dolorosi per tutti, è certamente dalla parte sbagliata. Se posso sdrammatizzare, come ha detto un giovane africano da anni in Italia: “Salvini va a ciapa’ i ratt !”.

La lezione francese, rimbocchiamoci le maniche

PARIGI – Nonostante la vittoria di Macron e il sospiro di sollievo e di speranza per il futuro della Ue, la paura e la crisi continuano a gravare sull’Europa con una ricaduta di problemi enormi. Le forze socialiste e progressiste devono farsene carico avviandone con un leale confronto democratico la soluzione, come esige la nostra tradizione. Un fallimento sarebbe rovinoso per l’Europa intera, per tutti noi.

Una mobilità a prova di metropoli

C’è bisogno di aumentare le risorse al trasporto pubblico locale per farne un sistema di mobilità efficiente e a livello di un’area metropolitana di grande sviluppo qual è quella milanese. Perché non si può dire alle persone di lasciare a casa l’auto così l’aria si ripulisce e allo stesso tempo non offrire un trasporto pubblico che funzioni.

Le Cinque Giornate. Furono le donne l’anima della rivolta

La battaglia di quelle donne coraggiose andava oltre i confini nazionali, essa va inserita all’interno di un’offensiva europea tesa all’ottenimento dell’universalità dei diritti e alla piena cittadinanza delle donne. Mentre le donne milanesi erano sulle barricate Jeannae Deroin affisse su tutti i muri di Parigi un proclama di rivendicazione di “uguagliaza civile e politica dei due sessi”